Contenuti
  ABC Legnofilia
  ABC Legnofilia - Tornitura
  Patrick's Blood and Gore
  TUTORIALS
  TRUCCHI e IDEE
  MACCHINE ed ELETTROUTENSILI
  RECENSIONI UTENSILI
  ESSENZE
  FILMATI
 

Le Traduzioni DI Legnofilia


Patrick's Blood and Gore - Adjustable Beading Plane - #50


  • Autore: Patrick A. Leach

  • Testi originali: http://www.supertool.com/StanleyBG/stan7.htm#num50

  • Traduzione: AlbertoA

  • Tutti i diritti riservati - Nessuna parte di questo contenuto può essere riprodotta in nessun modo senza l'esplicito consenso scritto dell'autore del testo originale e dello staff di Legnofilia.
    Permesso di tradurre concesso dall'autore Patrick A. Leach

    Image



Adjustable Beading Plane - #50


ImageQuesta è un’altra combination plane, anche se non così complessa né pesante come la # 45. Quando è stata offerta nella sua prima versione completa, era nata solo come una pialla per fare stondi, ma qualcuno si ha realizzato le potenzialità e ha deciso che avrebbe potuto anche funzionare come una plough plane con piccole modifiche. La pialla sembrava essere sempre in uno stato di cambiamento, dato che Stanley ha via via aggiunto questo o cambiando quest’altro sullo strumento per tutta la sua durata di produzione. Poiché ci sono molte parti in questa pialla e non era distribuita con un imballo resitente – il cartone era il materiale comune, ma c'è stato un breve periodo di tempo quando è stato offerto in un contenitore metallico – la pialla si trova spesso con parti mancanti .

La pialla è dotata di due bracci filettati che sono avvitati nel corpo principale. Ci sono buchi alla fine di ogni braccio per consentire di serrarli tramite un chiodo, o qualcosa di simile. C’era solo una serie di bracci, circa 18 cm, in dotazione alla pialla (il primo modello della pialla ha bracci più corti, circa 13 cm di lunghezza). I bracci ospitano una guida semplice fatta in fusione che è fissata con viti (le prime sono in ottone a testa piatta, le successive sono viti nichelate ad alette) che regolano la distanza appropriata per il taglio. La guida non è mai stata offerta con una guancetta di legno, come quelle sulle successive # 45.

ImageIl corpo non sostiene molto il tagliente dato che è solo appoggiato sul lato destro. Una sezione scorrevole, simile in funzione a quella della # 45, e circa la metà della lunghezza del corpo principale, scorre e si blocca sui bracci e supporta il tagliente sul lato sinistro. Le due parti quindi reggono quindi la lama in una sorta di sandwich. Il tagliente viene poi bloccato tramite un galletto. Il galletto è avvitato su un’asta filettata che è fissata alla sezione scorrevole. La barra filettata passa poi attraverso il corpo, ed è lì che il galletto va a tirare le due sezioni fra loro e serrare in questo modo la lama che è “prigioniera”.
E’ un modo piuttosto primitivo, anche se efficace, di tenere la lama in posizione, la seccatura di cercare di allineare la lama in modo che sporga appena al di là (a sinistra e a destra), il' pattini 'è risolto automaticamente con questo disegno.

C’era un piccolo problema con questo disegno di tagliente fermato a sandwich tra due parti che lo tengono in posizione, le lame plough più strette (1 / 8 "e 3 / 16") non erano sufficientemente larghe da venire bloccate così. E’ stata quindi aggiunta una vite quando sono state fornite queste due lame, a partire da ca. 1936. La vite ha una testa molto ampia che misura 3 / 4 " di diametro, la testa tiene la lama in posizione, la sezione scorrevole è stata rimossa e la barra filettata sostituita. Lo stesso galletto che tirava la sezione scorrevole contro il bordo sinistro del tagliente tira anche la vite che tiene la testa contro il bordo sinistro della fresa. La vite che tiene normalmente è “MIA”.


ImageA volte, la sezione di scorrimento non si muove o meglio, non vuole spostarsi facilmente quando si inserisce o si rimuove la lama. Il galletto può tirare la sezione di scorrimento verso il corpo in modo efficace, ma non c'era nessuna regolazione fine invece per spingere la sezione scorrevole lontano dalla sede della lama per le occasioni in cui si voleva inserire un tagliente più ampio. Stanley ha risolto questo problema con l'aggiunta di una piccola vite a taglio nella parte posteriore della sezione scorrevole. La fine della vite batte contro il corpo, ed avvitando la vite, la sezione scorrevole è spinta lontano dalla sede della lama. E 'la combinazione delle due viti - una per tirare la sezione scorrevole, e uno a spingere la sezione scivolare via dal ceppo principale - che permette di tweaking multa dello strumento quando si cambia frese. Questa vite controlla poco anche la sezione scorrevole in modo che sia parallelo con il calcio, la regolazione manuale può causare la sezione scorrevole per non essere allineate sulle aste, come molti di noi che hanno preso una cantonata con il # 45 tutto.

Sia la parte principale e la sezione di scorrimento hanno degli incisori per lavorare traverso vena, gli incisori possono essere posizionati sui fianchi dalla suola quando non sono necessari. Come sugli esemplari precedenti dell’attrezzo , il gli incisori singolo-lobati vanno ruotati di 90 gradi e si trovano allineati con i loro rispettivi 'pattini'. Su esemplari più tarde, gli incisori devono essere rimossi dai loro 'pattini' e poi fissati in recessi separati del corpo pialla situati sul lato destro.


Le prime pialle della produzione industriale erano laccate, con il motivo decorativo floreale (identico a quello del # 48, # 78, et al) impresso nel manico, e non hanno alcun arresto di profondità. Ca. 1890, la pialla viene nichelata, pur mantenendo il motivo floreale. Ca. 1910, il motivo floreale è stato eliminato a favore della superfcie a scaglie di pesce, è in questo momento che la pialla è diventata più di uso generale con l'aggiunta di taglienti per scanalature. Durante la seconda guerra mondiale, le pialle erano laccate a causa della carenza di nichel, è possibile trovare le pialle decorate con un mix di finiture, per esempio una guida laccata su un corpo nichelato. A partire intorno al 1945 è stata fornita con un manico di palissandro fino alla fine della sua produzione in cui la maniglia stata sostituita da una in legno di latifoglia.


Nel 1936, una piccola leva è stata aggiunta alla pialla dietro la lama. Questa leva, molto simile a quella utilizzato sulla # 78, aggancia la lama in modo che possa essere regolata più facilmente. Ogni volta che si cambia la regolazione della lama, è una buona idea svitare il galletto che la blocca in modo che la lama possa muoversi più liberamente, altrimenti si può piegare la leva di regolazione. L'aggiunta della leva di regolazione rende impossibile usare su questa pialla per taglienti di una # 45 o # 55, o ancora di una # 50 precedente, dal momento che non sono lavorate con scanalature per ingaggiare la leva.

ImageIntorno al 1900, un deflettore di trucioli (nella foto a sinistra, con il bullone di fissaggio fresa a destra) è stato aggiunto alla pialla. Come suggerisce il nome, lo scopo del deflettore do truciolo è quello di gettare il truciolo a destra della pialla, invece di permettergli di muoversi verso l'alto del ferro, dato che aumentava la probabilità di intasamento della pialla con i trucioli. Il deflettore di trucioli si inserisce nel piccolo foro appena sopra la bocca e sul lato destro del corpo principale. I primi esemplari dotate del deflettore di chip avevano un piccolo problema - il deflettore e l’arresto di profondità non possono essere utilizzati contemporaneamente poiché entrambi inseriscono nello stesso foro sul corpo principale. Stanley ha presto corretto questo svista con l'aggiunta di una predisposizione per l’arresto di profondità sulla sezione scorrevole ca. 1910. La parte più comunemente mancante per queste pialle è, senza dubbio, il deflettore di trucioli. Loro, e tutti i resti di camme, guide della 278, pezzi della 66, pezzi della vastringa universale #67 universale, ecc, stanno tutti riposando comodamente nella terra dei pezzi di disadattati.

L'arresto di profondità per questa pialla si differenzia da quello utilizzato su altre combination planes come la # 45. L’arresto di profondità delle prime 50 ha il suo gambo centrato sul piede mentre la # 45 ha il suo gambo spostato verso un lato (la parte anteriore) del piede. Sulle 50 più tarde la posizione è verso la parte anteriore del piede, ma il piede è più lungo rispetto a quello della 45. Il gambo della guida di profondità sulla # 45 ha un diametro maggiore rispetto alla # 50. Controllate che un arresto di profondità di una # 45 non sia stato modificato per adattarsi alla # 50. Ad aggravare la confusione, Stanley ha dotato la pialla di un arresto di profondità specifico per le modanature a partire da circa il 1915, le pialle costruite dopo tale data hanno due guide, con la guida di bordatura che è più lunga del comune arresto di profondità. La guida di bordatura viene usato proprio come quella per la # 45 .

La pialla non ha i pattini d'acciaio come la # 45. Invece, ha i pattini in ghisa, come la # 46, che sono parte integrante del corpo principale e la sezione di scorrimento. Come è il caso con qualsiasi pezzo in ghisa, controllate attentamente che non vi siano crepe, saldature, sbeccautre, ecc Guardate intorno al corpo, dove si aggancia il tagliente cercando eventuali fessurazioni da stress. Questo può essere un’area problematica, Stanley ha adottato misure per superare il difetto con l'aggiunta di una costola di rinforzo fusa nel lato destro del corpo principale circa nel 1935.

Le seguenti lame fanno parte della pialla:

Lame offerte nel nel 1884
  • bordatura 1 / 8 ", 3 / 16", 1 / 4 ", 5 / 16", 3 / 8 ", 7 / 16", 1 / 2 "

Lame offerte nel nel 1902 (oltre a quelle sopra elencate)
  • scanalatura 1 / 4 "

  • dente e canale 1 / 4 "


Lame Offerte dal 1914 (oltre a quelle sopra elencate)
  • scanalatura 5 / 16 ", 3 / 8", 7 / 16 ", 1 / 2", 5 / 8 ", 7 / 8"


Lame Offerte nel 1936 (oltre a quelle sopra elencate)
  • scanalatura 1 / 8 ", 3 / 16"


ImageC'è un’altra pialla che ha la stessa denominazione numerica. Questa pialla particolare non è stata offerta da Stanley come # 50, ma è stata, invece, offerta con lo stesso numero di modello che dal Russell & Erwin Manufacturing Company of New Britain, CT. Generalmente si pensa che Stanley costruisse le pialle per Russell & Erwin, che le hanno vendute come Miller's Improved Joiner's Plow, la n. 50. E 'possibile che Stanley disegnato la pialla come # 50, dal momento che precede la configurazione comune della # 50, ma nessun materiale pubblicitario è emerso ad indicare che in realtà Stanley l’abbia venduta. Stanley è stata la produttrice della # 41 - # 44 della serie di brevetti di Miller in concomitanza a questa pialla, e forse non volevano pubblicizzare una pialla che ha la stessa funzione di quelle. Chi lo sa? Indipendentemente da ciò, la pialla non è stata prodotta a lungo, probabilmente a causa della sua delicata fusione che certamente deve aver mostrato di essere difficile da produrre.

Questa pialla è un capolavoro nella progettazione di utensili vittoriana e l'arte della fusione, ed è uno degli oggetti più preziosi di tutto il regno degli utensili. La pialla è elaboratamente fusa in ghisa con disegni floreali sulla sua guida e corpo. C'è una piccola manopola tornita in palissandro fissata alla parte anteriore sinistra della guida scorrevole. Si può trovare fusa in ferro e bronzo, ma con lievi variazioni nel design a seconda di ogni materiale utilizzato per la fusione - la differenza più evidente è che le fusioni in bronzo hanno un pattino decorato di decorazioni, mentre le fusioni in ghisa hanno una pattino bulinato . La versione di bronzo è sprovvista dell 'ponte' che attraversa la parte curva della guida, tra i due bracci. La versione in ghisa è stata placcata con un color rame di superficie, che di solito è scomparsa da molto tempo quando queste pialle molto di rado fanno mostra di sé.








  
 legnofilia [ Mer 01 Feb, 2012 16:46 ] Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento