Contenuti
  ABC Legnofilia
  ABC Legnofilia - Tornitura
  Patrick's Blood and Gore
  TUTORIALS
  TRUCCHI e IDEE
  MACCHINE ed ELETTROUTENSILI
  RECENSIONI UTENSILI
  ESSENZE
  FILMATI
 
Disclaimer

Image
Questa scheda di

Image

è rilasciata nei termini della licenza

Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia

il cui testo completo è disponibile all'indirizzo:

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/legalcode
(Una versione sistetica per comprenderne il senso è accessibile QUI)

Date di riferimento e soggetti detentori dei diritti sono espressamente indicati nel testo della scheda oppure in un paragrafo a parte intitolato "Detentori dei diritti".

NOTA BENE: la licenza si applica a questa scheda nella sua interezza, comprendendo quindi questo disclaimer, riferimenti completi ai detentori dei diritti, testi, immagini, disegni, contenuti multimediali, link, formattazione grafica, ecc.



I TUTORIAL DI Legnofilia


Affilatura di una sega europea


  • Data: 18/12/2007

  • Autore: whybob71 (Roberto)

  • Difficoltà di esecuzione :

  • Principali Materiali ed Attrezzature impiegate :

    • Lima a Taglio Bastardo

    • Pinza stradaseghe

    • Lime Triangolari per l'affilatura





Introduzione


Prima di addentrarci nella discussione relativa all'affilatura, è bene chiarire qualche concetto, forse noto a molti, ma sicuramente basilare per una corretta comprensione della tecnica giusta.

Sulle seghe europee .....
Una sega europea è realizzata con un acciaio non particolarmente duro, tale da consentire ripetute affilature.

Lo spessore della lama è in funzione del tipo di sega e dell'utilizzo cui è destinata.
In linea di massima, la gran parte delle seghe vintage reperibile su ebay (quello inglese è un'ottima fonte) è di buona qualità, anche senza comprare marche note.
A tal proposito, Disston, Spear&Jackson, Tyzack&Son, Sorby etc., sono tutte marche note, ma anche in generale seghe in cui compaiono solo le diciture "Sheffield" o "Warranted Superior" vanno benissimo.

Nell'acquisto di una sega vintage, fate attenzione che abbia tali requisiti:
  • Lama dritta

  • Assenza di segni di corrosione

  • Quantità di lama residua adeguata

  • Manico ben saldo
[align=justify]

La mancanza di uno o piu' denti, invece, non è un problema, soprattutto sulle seghe a dorso (back saw).

Taglio RIP-CUT o CROSS-CUT .....
Una delle cose più importanti nell'affilatura di una sega europea è il tipo di profilo di taglio che vogliamo impostare.
A tal riguardo, possiamo distinguere due profili essenziali, RIP (taglio lungovena) e CROSS (taglio traverso vena) CUTS.
Il dente di una sega europea, indipendentemente dal profilo di taglio, avrà un angolo alla punta di 60°.

In questa foto:

Image


si vede chiaramente il profilo di un dente per taglio RIP

Il dente ha un angolo di fronte di 8° e uno di schiena di 52°.
La faccia di taglio del dente (quella che impatta sulle fibre e le asporta; lo chiameremo per comprensione "angolo di taglio") è piatto e disposto perpendicolarmente rispetto all'asse della lama.
Quanto minore sarà l'angolo di fronte (consiglio di mantenersi sempre tra 0° e 10° al massimo, 5-8° è un buon compromesso), tanto maggiore sarà l'aggressività e rapidità di taglio della sega, ma tanto minore sarà la facilità con cui si avvia il taglio all'inizio.
Occorre comprendere a tal proposito che il dente RIP agisce come uno scalpello che di piatto asporta le fibre del legno.


Invece, in questa foto:

Image


il profilo di un dente CROSS.

L'angolo di fronte è di 15°, quello di schiena di 45°.
Anche in questo caso, aumentando l'angolo di fronte, si riduce lo sforzo iniziale ad avviare il taglio, ma si rallenta l'azione della sega (in linea di massima l'angolo di 12° è ideale).

Il dente CROSS ha però anche un'ulteriore angolatura che conferisce al dente la forma di una punta di lancia (in pratica, come si vede dalla foto, la faccia del dente rivolta verso l'interno è smussata agli angoli).
In questo caso, tale angolo (angolo di taglio) della faccia anteriore del dente (quella che impatta con il legno) ha il compito di far infilare il dente stesso tra le fibre e tranciarle come un coltello.
Tale angolo può variare tra 20 e 35° circa, con 25° come punto di riferimento (un angolo basso garantisce maggiore facilità di taglio ma durata minore).

Spaziatura fra i denti .....
Un altro concetto da tenere a mente è la spaziatura dei denti;
in genere, viene espressa in TPI (teeth per inch; numero di denti per un pollice, ossia 2,54 cm) o meglio PPI (point per inch; numero di punte per pollice, che è + semplice da calcolare).



Procedura


Adesso descriveremo l'intero processo di affilatura.

In questa foto

Image


vedete l'attrezzatura necessaria per l'intero procedimento, e cioè una lima bastarda, una pinza stradaseghe, e delle lime triangolari per affilatura.

Possiamo suddividere la procedura in quattro step fondamentali:

  1. Rettifica della dentatura

  2. Formatura del dente

  3. Stradatura

  4. Affilatura



  1. Rettifica della dentatura

    La prima operazione da effettuare è portare allo stesso livello/altezza tutti i denti.

    Utilizzate una lima piatta bastarda di buona qualità, bloccando la lima in una dima in legno come quella della foto o similare, in modo tale che, facendola scorrere sulle punte dei denti, la faccia della lima sia esattamente a squadra con l'asse della lama della sega.

    Fate una o piu' passate finchè non vedete che tutte le punte dei denti sono luccicanti.


  2. Formatura del dente

    D'ora in poi, per motivi di semplicità, parleremo dell'affilatura RIP principalmente.

    In questa fase occorre dare al dente la sua forma e angolatura, definendo l'angolo di fronte e l'angolo di schiena (l'angolo di taglio verrà impostato nella fase finale di affilatura).

    Per facilitare questa fase, occorre costruirsi una piccola dima.
    Utilizzate un pezzetto di legno di circa 20x20x80 mm.

    Riportate un angolo di 98° da un lato

    Image


    ed eseguite un piccolo foro con una punta da circa 3 mm passante da parte a parte.


    Riportate l'angolo anche dall'altro lato.

    Image



    Infilate la lima per affilare con un lato esattamente sulla linea angolata che avete riportato sul pezzetto: in tal modo, rispetto alla faccia superiore della piccola dima, la lima sarà angolata di 8° all'indietro ( 98° - 90° = 8°).

    L'angolo di 8° è quello scelto per affilare la sega in profilo RIP.


    Segnate la dimetta in legno

    Image


    in modo da utilizzarla prima in un verso poi nell'altro.


    Utilizzate delle lime di qualità a sezione triangolare (angoli di 60°) per affilatura.
    Per la scelta del tipo di lima utilizzate la seguente tabella:

    7" Regular Taper/4-5.5

    7" Slim Taper/6,7

    6" Slim Taper/8

    6" XSlim Taper/9,10

    6" 2XSlim Taper/11

    5" 2XSlim Taper/12-14

    4" 2XSlim Taper/15-20

    Posizionate ora la sega con i denti rivolti verso l'alto tra due listelli di legno sagomati

    Image


    oppure, in alternativa (anche migliore), potete costruire o comprare una morsa specifica per affilatura (su ebay: saw vice).


    Lasciate sporgere 3-4 mm di lama.

    Stringete il tutto nella morsa del banco

    Image


    (io uso quella laterale, ma ovviamente il tutto può essere fatto in quella frontale).


    Disponete ora la lima in questa maniera

    Image


    facendo attenzione che la dima sia tenuta dritta e la lima scorra perpendicolare all'asse della lama.

    Fate una o piu' passate per ogni dente, ripetendo per tutti i denti, fino a che tutte le punte siano appuntite (in pratica fino a far sparire il luccichio delle punte generato dalla precedente fase di rettifica).
    E' importante sottolineare che la pressione da esercitare durante la "limatura" va sulla schiena di ogni dente.

    Continuate fino a che tutti i denti siano formati:

    Image




  3. Stradatura [align=justify]
    Occorre ora impostare la stradatura, utilizzando una pinza stradaseghe (tipo la Eclipse, o la Somax).
    Queste sono di solito disponibili in due dimensioni diverse, che cambiano solo per un particolare: la sezione del dentino/pistoncino (visibile nella foto seguente).

    Image



    Per le seghe oltre 10 ppi usate una pinza con pistoncino sottile (spesso circa 1.5 mm), per seghe sotto i 10 ppi usate una con dente + spesso.
    Le pinze stradaseghe hanno una ghiera con dei numeri sopra: non fidatevi della numerazione rioportata, ma impostate la stradatura a occhio, facendo un po di pratica ed esperienza.

    In linea di massima, ricordate che per seghe con ppi superiore a 16-18 non c'è bisgono di stradatura (il processo di affilatura tenderà a creare una sorta di stradatura dovuta alla deformazione del metallo).


    Ora, con la pinza, piegate ogni dente alternando prima tutti i denti da un lato poi quelli dall'altro.
    E' molto importante che la sega abbia un minimo di stradatura residua: il senso di questa va rispettato (se piegate da un lato un dente che era piegato dall'altro questo potrebbe rompersi).

    Nella foto

    Image


    si vede il pistoncino della pinza stradaseghe che preme alla base del dente.


  4. Affilatura finale
    Riposizionate la sega nella morsa con i due listelli come all'inizio.
    Ora osservate la sega molto attentamente, e individuate il primo dente che si trova piegato verso destra.

    Posizionate la lima sulla schiena del dente

    Image


    con la dimetta in legno a destra e il manico a sinistra.
    Affilate ogni dente che piega verso destra (quindi uno si e uno no).


    Alla fine della lama, posizionate la lima nella faccia opposta della dimetta in legno

    Image


    e affilate la schiena di tutti i denti rivolti verso sinistra (quindi saltando quelli affilati dalla passata precedente)

    Continuate così fino a fare tutti i denti


    Alla fine, mettete la lama di piatto sul banco e passate un paio di volte per lato con mano leggere una pietra per affilare

    Image


    (nella foto una DMT, ma potete utilizzarne una qualunque).


    Ora testate la sega.
    Se il taglio risulta difficoltoso e la lama tende ad incastrarsi nel legno, allora avete dato poca stradatura.
    Ripetete quindi la stradatura e l'affilatura finale (la pinza stradaseghe tende ad ammaccare un pochino il dente, quindi è consigliabile rifare anche una leggera passatina di affilatura finale).

    Se il taglio avviene con un rumore sordo (tipo ratatà) allora occorre ridurre la stradatura (basta passare ancora la pietra per affilare).

    Quella finora descritta era la procedura per affilare una sega in profilo RIP, ideale per incastri a coda di rondine o tenoni.


    Per una sega in profilo CROSS (spalle degli incastri) la procedura è uguale fino alla affilatura finale, con la differenza di utilizzare una dimetta in legno

    Image


    adeguata a quest'altro tipo di dentatura; in questo caso, l'angolo di fronte del dente è di 12°

    La fase finale di affilatura è invece diversa e leggermente più complessa, in quanto l'angolo di taglio non è più perpendicolare all'asse della lama (come nella RIP) ma angolato.
    In questo caso, utilizzate una falsa squadra o un goniometro che impostate a 25°.

    Posizionatela/o con un fianco attaccato alla lama

    Image


    della sega.

    Individuate la schiena del dente che piega verso sinistra.
    Impugnate la lima con il manico a sinistra e la dimetta a destra.
    Affilate la schiena di ogni dente che piega verso sinistra.
    E' cruciale che l'angolo di taglio sia nella faccia interna (rispetto a come è piegato il dente) di ogni dente.


    Fate tutti i denti da un lato (uno si e uno no), e poi dall'altro, dopo aver riposizionato

    Image


    la lima dall'altro lato della dimetta in legno.




Note Finali



Image



by Legnofilia









  
 legnofilia [ Mar 11 Mag, 2010 00:20 ] Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento