Contenuti
  ABC Legnofilia
  ABC Legnofilia - Tornitura
  Patrick's Blood and Gore
  TUTORIALS
  TRUCCHI e IDEE
  MACCHINE ed ELETTROUTENSILI
  RECENSIONI UTENSILI
  ESSENZE
  FILMATI
 
Disclaimer

Image
Questa scheda di

Image

è rilasciata nei termini della licenza

Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia

il cui testo completo è disponibile all'indirizzo:

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/legalcode
(Una versione sistetica per comprenderne il senso è accessibile QUI)

Date di riferimento e soggetti detentori dei diritti sono espressamente indicati nel testo della scheda oppure in un paragrafo a parte intitolato "Detentori dei diritti".

NOTA BENE: la licenza si applica a questa scheda nella sua interezza, comprendendo quindi questo disclaimer, riferimenti completi ai detentori dei diritti, testi, immagini, disegni, contenuti multimediali, link, formattazione grafica, ecc.



I TUTORIAL DI Legnofilia


Autocostruzione di una pialla in legno





Introduzione


In questo tutorial verranno descritte, con ampia documentazione fotografica, le fasi della realizzazione di una pialla da finitura (smoother) stile Krenov, con angolo di seduta del ferro di 50°.



Le fasi della costruzione


Solitamente, per realizzare una pialla con il metodo Krenov, è buona norma ricavare la parte centrale e le guance da un unico listello, ma in questo caso, avendo degli scarti di lavorazione, ho preferito usare diverse specie di legno: faggio per l'anima, mogano per le guance e robinia per la suola.

Il ferro è un tipo specifico per pialle in legno, da 44 mm, più spesso alla lama, come si nota dalla foto, il chè lo rende adatto all'uso.

Image


Il controferro è un tipo classico da pialle in metallo, ricavato da una vecchia jack di fabbricazione orientale, che essendo più largo della lama, è stato portato poi alla stessa misura.

Image



Si parte con la realizzazione del corpo centrale,

Image



posizionando il ferro sopra al listello di faggio, allo scopo di prendere la misura, tenendo conto che l'anima dovrà essere un millimetro più larga del ferro.

Image



Il taglio viene eseguito con una sega a nastro

Image



e successivamente il listello viene spessorato a mano con una pialla da finitura

Image



Per la suola ho usato un pezzo di robinia che mi è stato regalato da un amico, dal quale ho ricavato (sempre alla nastro) un listello di circa 1,3 cm di spessore

Image


Image



anche questo portato a misura e rifinito con una pialla manuale.

ImageImage



Per le guance il lavoro è stato un pò più complicato, in quanto i due scarti non avevano lo stesso spessore

ImageImage



ed quindi ho ritenuto opportuno cominciare il lavoro di sgrossatura con uno sbozzino

Image



completando poi con una pialla da finitura

Image



e dopo numerosi trucioli

Image


anche le guance vengono portate a misura:

Image


Image


Image



Ora le parti componenti la pialla sono finite

ImageImage



e si può partire con il lavoro vero e proprio!


Per prima cosa si deve incollare la suola al corpo centrale, usando dei morsetti

Image



Trascorso il tempo necessario per l'essiccazione della colla, si livellano i fianchi dell'unione così ottenuta usando prima una pialla da finitura e poi una rasiera:

ImageImage



Ora si deve decidere l'angolo di seduta della nostra pialla: in questo caso ho scelto i 50° perchè ne ho già un'altra con un angolo di 55°.

Con l'ausilio di un goniometro si disegna la linea della seduta

ImageImage



e si procede con il taglio

ImageImage



La superficie che diventerà la seduta del ferro non deve avere imperfezioni, quindi viene pulita con una pialla e con una rasiera

Image



Poi si taglia il secondo pezzo, scegliendo l'angolazione che più ci aggrada: l'importante è che permetta la fuoriuscita del truciolo in maniera adeguata.

Image



Tutti i componenti della pialla vengono posizionati e segnati seguendo la venatura: questo è molto importante, soprattutto per quando si dovrà procedere alla spianatura della suola, perché se così non fosse, usando una pialla, ci troveremmo le guance con un diverso orientamento della fibra rispetto al corpo e ciò comprometterebbe la buona riuscita dell'operazione di spianatura

Image



Con il banchetto fresa, montando una fresa a candela, si ricava il canale per l'alloggio della vite di serraggio ferro-controferro.

ImageImage


Se non avete un banchetto od una fresatrice, questa operazione la si può fare lo stesso con punte forstner, rifinendo poi a mano con un bedano o uno scalpello.

Una volta fatto questo, si posiziona la seduta su una guancia e si segna con una penna od un coltello da traccio il punto preciso sulla guancia

Image


si posiziona il ferro con il controferro e si traccia il punto del foro per il perno (di solito posiziono il foro a circa 3,5 cm dalla suola)

Image


Si fa il foro con una punta da trapano

Image


poi si prende l'altra guancia: la si posiziona sotto, a filo della suola, e si esegue l'altro foro.

ImageImage


Non avendo un trapano a colonna questo è il metodo che ci permette di portare l'errore quasi a zero: infatti se l'asse del perno non è parallelo alla suola e alla seduta, il perno non stringerà in maniera ottimale.

Eseguiti i fori, si possono incollare i due pezzi dell'anima alla prima guancia.
In questo caso ho lasciato poco spazio alla bocca, in quanto si tratta di una smoother e l'apertura verrà eseguita successivamente con una lima.

ImageImage



Nell'attesa che la colla faccia presa, passiamo alla costruzione del perno, in questo caso realizzato a partire da uno scarto di faggio che avevo a disposizione.

Image


Lo scopo è quello di ricavare un listellino squadrato di circa 1,5 cm x 1 cm, servendosi di pialle e rasiera:

ImageImage


Image Image


Image


Una volta che le due sezioni del corpo centrale saranno stabilmente incollate alla prima guancia, anche la seconda guancia viene fissata in posizione "a secco" con l'ausilio di alcuni morsetti: ciò consente di prendere le misure corrette del perno

Image


che viene quindi calibrato alla lunghezza corretta tramite una "shooting board"

ImageImage


poi con la nastro e una piccola tenon saw si ricavano i tenoncini

Image Image


che successivamente, con l'aiuto di uno scalpello e di una lima, andremo a stondare

Image Image


Si eseguono delle prove, togliendo poco legno alla volta, per portare i tenoncini al diametro dei fori eseguiti sulle guance

Image


Come ulteriore verifica, il perno viene inserito in posizione nella pialla rimontando poi la seconda guancia a secco (stretta con i soliti morsetti) e si controlla che possa ruotare

Image


Ricordate: il perno deve poter ruotare, quindi non andrà fissato con la colla!

Si rifinisce il perno, stondando gli angoli del corpo con una lima e poi levigando:

Image



Ora non rimane che incollare l'altra guancia al resto della pialla e questa sarà l'ultima operazione di montaggio vera e propria.
Affinché l'asse del perno sia parallelo alla seduta, tramite montaggio a secco, si verifica con l'ausilio di due listellini spessorati che la distanza del perno dalla seduta sia costante

Image


Trovata la posizione ottimale della seconda guancia, si prendono dei riferimenti con una penna o una matita

Image


e si parte con l'incollaggio finale

Image


Anche durante la morsatura con la colla, abbiate l'accortezza di verificare che si mantenga il corretto parallelismo del perno con la seduta.

A questo punto la pialla, anche se non ancora ultimata, sarebbe pronta per essere provata

Image


ma prima bisogna occuparsi del controferro e del cuneo!

Con la mola a secco si porta il controferro alla stessa larghezza della lama

Image


Viene inoltre sagomato all'estremità, in modo da chiudere perfettamente con la lama

ImageImage


e poi lucidato con carta abrasiva

ImageImage


Per realizzare il cuneo si usa lo scarto centrale dei tagli precedenti

Image


ImageImage


Ricordiamoci di eseguire nella parte posteriore del cuneo un piccolo canale, allo scopo di fare spazio al corpo della vite

Image


nel mio caso ho usato la fresa che avevo già montata sotto il banchetto, ma sarebbe bastata anche una più piccola da 5-8 mm di diametro.

Si fanno alcune prove con l'inserimento del cuneo, in modo da rendersi conto di come stringe

Image



Prima della sagomatura, è importante occuparsi della suola, dandole una bella piallata con una smoother, verificandone la planarità, in modo da poterla morsettare più facilmente al banco

Image


Aiutandosi con un curvilinee flessibile, si traccia a penna, sui fianchi, il profilo della pialla seguendo il nostro gusto estetico

Image


Si effettua il taglio sagomato alla nastro

Image


e poi con carta a grana grossa si rifinisce, per togliere i segni lasciati dalla lama

Image


poi con una fresa si lavora il profilo esterno della pialla, allo scopo di renderne più dolce l'impugnatura e anche per abbellire il nostro gioiellino

ImageImage


Image


Fatto questo saremo sicuramente impazienti di provare la nostra nuova pialla, ancor prima di avere sagomato il cuneo!
Con una lima, si allarga l'apertura della bocca dello stretto indispensabile: trattandosi di una pialla da finitura, oltre al controferro posizionato molto vicino al filo della lama, è importante che la bocca sia aperta al minimo

Image


Ecco i primi trucioli ricavati dalla piallatura su uno scarto di Mansonia e su del Mogano.

ImageImage


Infine si sagoma il perno, usando delle rondelle per delinearne la forma

Image


e dopo il taglio alla nastro

Image


si rifinisce con lima e carta abrasiva

Image


Ora la nostra pialla è davvero finita!

Image


Nella foto è posizionata accanto ad una Stanley #4, per rendere conto delle dimensioni: misura 30 cm.

In quest'altra foto, sono visibili tre pialle da finitura con tre diverse angolazioni del ferro: 55°, 50° ed infine la stanley con il classico a 45°

Image



Ora la pialla è pronta per fare compagnia alle altre sorelle in legno!

Image










  
 legnofilia [ Mar 21 Giu, 2011 23:38 ] Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento