Contenuti
  ABC Legnofilia
  ABC Legnofilia - Tornitura
  Patrick's Blood and Gore
  TUTORIALS
  TRUCCHI e IDEE
  MACCHINE ed ELETTROUTENSILI
  RECENSIONI UTENSILI
  ESSENZE
  FILMATI
 
Disclaimer

Image
Questa scheda di

Image

è rilasciata nei termini della licenza

Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia

il cui testo completo è disponibile all'indirizzo:

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/legalcode
(Una versione sistetica per comprenderne il senso è accessibile QUI)

Date di riferimento e soggetti detentori dei diritti sono espressamente indicati nel testo della scheda oppure in un paragrafo a parte intitolato "Detentori dei diritti".

NOTA BENE: la licenza si applica a questa scheda nella sua interezza, comprendendo quindi questo disclaimer, riferimenti completi ai detentori dei diritti, testi, immagini, disegni, contenuti multimediali, link, formattazione grafica, ecc.



LE RECENSIONI DI Legnofilia


Anatomia di una Rabbet Plane - Record 078-778





Introduzione


La Record 078, del tutto analoga alla Stanley 78 cui si ispira, rappresenta una pialla particolarmente adatta alla realizzazione di battute di generose dimensioni, ed è pertanto spesso indicata con il nome di rebate/rabbet plane.
Il corpo pialla presenta un fianco, quello destro, a superficie piana e a squadra con la suola, una guida parallela (attraverso la quale impostare la larghezza della battuta) che può essere posizionata da entrambi i lati, un arresto di profondità regolabile sul fianco destro (che permette in definitiva di impostare la profondità della battuta), una lama larga 38 mm (1 1/2"), una comoda impugnatura posteriore.
La pialla, infine, è dotata di un doppio alloggiamento per la lama, che può essere posizionata al centro o in avanti, in modo da poter effettuare anche lavorazioni in zone anguste e difficilmente raggiungibili da altri utensili.

Una variante del tutto simile alla Record 078 è la 778, che si differenzia esclusivamente per due caratteristiche:

  1. Un sistema di regolazione della lama a vite anziché a leva
  2. Una guida parallela a due braccia anziché una


Entrambe le pialle sono dotate di una piccola lama a forma di trifoglio adatta a tranciare le fibre nel caso di utilizzo traverso-vena, denominata “spur”.

Image

Le due sorelle a confronto: si notano immediatamente le differenze



Image

La Record 778 (a destra) ha un sistema di regolazione della lama leggermente più accurato



Image

La guida parallela della Record 078 è ancorata al corpo pialla attraverso un solo braccio;
una differenza trascurabile in termini d’uso



Image

la lama della 078 ha delle scanalature su cui agisce, con un meccanismo a leva, la regolazione della profondità





Procedura



  • Messa a punto

    Una volta acquistata sul mercato dell’usato una Record 078 o 778, oppure una Stanley 78 (tipicamente eBay, o negozi esteri che trattano questo tipo di usato), occorre mettere a punto la pialla per ottenere da essa le migliori prestazioni possibili.

    Vediamo passo dopo passo come agire.

    Smontiamo la guida parallela e rettifichiamone la superficie interna (quella che verrà a contatto con il legno) su della carta abrasiva da 100-200 incollata su una lastra di vetro o marmo.

    Image


    Il compito di questa operazione di rettifica è quello di rimuovere eventuali segni di sporco, vernice o imperfezioni di fusione.
    Bastano pochi minuti per lisciare la superficie completamente.


    Effettuiamo la stessa operazione di rettifica per il fianco destro della pialla

    Image


    dopo aver rimosso l’arresto di profondità e lo spur.


    Passiamo quindi a rettificare la suola

    Image


    seguendo la stessa procedura.


    Con una piccola squadretta di precisione

    Image


    controlliamo che il fianco destro sia a squadra con la suola.


    Nel caso in cui sia fuori squadro, utilizziamo un’asse di legno alta circa 7-8 cm ben squadrata e poggiata sulla carta abrasiva

    Image


    contro cui tenere poggiato il fianco destro della pialla durante l’operazione di rettifica della suola.


    Ora è la volta del lever cap

    Image


    questo è integralmente verniciato dal japanning che, spesso proprio nei recessi interni dei pezzi, presenta delle piccole sbavature e colature che hanno un effetto negativo sulla capacità di tenuta del lever cap e di presa sulla lama.


    Utilizzando della carta abrasiva da 500-600 incollata su vetro

    Image


    rettifichiamo la parte interna ed anteriore del lever cap fino a rimuovere il japanning.


    Alla fine, dopo aver ripulito la pialla dagli eventuali residui di lavorazione e rettifica, averla rimontata, ed avere eventualmente affilato la lama (bevel primario: 25°, bevel secondario: 28°/30°), siamo finalmente pronti per provarla sul campo.


  • Realizzazione di una battuta lungo-vena

    La 78/778 è una pialla ideale per realizzare battute di generose dimensioni, soprattutto lungo-vena.

    Il peso consistente e la lama molto stabile permettono di asportare trucioli anche piuttosto spessi, a tutto vantaggio di un’azione estremamente rapida.
    Di contro, la guida parallela è più che altro adatta a regolare la larghezza della battuta, ma offre scarso aiuto durante l’uso, essendo di altezza ridotta (circa 10 mm) e non a squadra con la suola.

    In pratica, non si può fare affidamento alla guida laterale per avere una battuta in squadro con la superficie del pezzo piallato, ma occorre affidarsi al fianco destro e alla suola larga della pialla.

    Se occorre realizzare perciò una battuta di larghezza limitata a pochi mm., meglio ricorrere ad un incorsatoio classico (plough o plow plane).

    Questa caratteristica della guida laterale ridimensiona molto la funzionalità dell’attacco doppio presente sulla Record 778, dotato solo di maggiore stabilità (nella 078 la guida laterale può ruotare intorno al braccio a sezione tonda, essendo tenuto in posizione da una sola vite, cosa che infastidisce ma non compromette la precisione della piallata).

    La prima cosa da fare è regolare la protrusione della lama ed il suo posizionamento.
    Allargate la guida laterale e assicuratevi che la lama sia a filo (o leggermente fuori) del fianco destro, e che sporga in modo uniforme dalla bocca della pialla.

    Con una squadra combinata o un regolo

    Image


    posizionate la guida laterale a seconda della larghezza desiderata della battuta.


    Regolate l’arresto di profondità

    Image




    Potete ora iniziare a piallare la battuta.

    E’ molto importante l’azione che imprimete alla pialla: occorre fare affidamento sulla suola larga per garantire stabilità durante la spinta, e mano a mano che si comincia a creare la battuta tenere il fianco destro adeso alla spalla della battuta che si va creando.

    L’azione va portata avanti agendo esclusivamente sulla mano destra, mentre la sinistra deve tenere il muso della pialla in posizione e garantire il contatto della guida parallela al pezzo.

    Non fate pressione sulla guida parallela: rischiereste di inclinare la pialla e mandare fuori squadro la battuta.

    Image


    Image


    In un batter d’occhio è possibile realizzare battute perfette!
    Basta solo un poco di esercizio e pratica.

  • Realizzazione di una battuta traverso-vena

    La Record 078 può essere efficacemente utilizzata per realizzare battute traverso-vena, come tenoni di generose dimensioni.

    La prima cosa da fare è affilare lo spur.

    Questo è una piccola lama a forma di trifoglio che si trova sul fianco destro e davanti alla lama, e che ha la funzione di tranciare preventivamente le fibre come la lama di un coltello, in modo tale che le stesse non vengano strappate dalla lama della pialla durante la piallata.

    In questo momento lo spur è in posizione di riposo

    Image


    Con un piccolo cacciavite a taglio rimuoviamo lo spur dal suo alloggiamento;
    lo spur è costituito da una lama con 3 protrusioni; quando si utilizza la pialla lungo-vena, e non occorre utilizzare lo spur, questo viene messo in posizione di riposo.


    Impugniamo il piccolo spur con due dita (il pollice e l’indice) e affiliamo una delle 3 punte su della carta abrasiva a grana fine (600-1000) o una pietra per affilare

    Image


    eseguiamo l’operazione tirando ed inclinando leggermente lo spur.
    E’ importante sottolineare che parte da affilare (quella su cui creiamo lo smusso, o bevel) è quella interna (rispetto a come poi rimontiamo lo spur sulla pialla).

    Bastano un paio di minuti e lo smusso è fatto.


    Ora posizioniamo lo spur con la superficie piatta

    Image


    (quella che va all’esterno una volta montato), sulla pietra da affilare.
    Si nota chiaramente lo smusso realizzato su una delle punte dello spur.


    Con il dito indice premiamo sullo spur e, con un movimento laterale

    Image


    rettifichiamo la faccia esterna (che corrisponde poi al dorso dello spur).


    Rimontiamo lo spur appena affilato

    Image


    in modo tale che sporga dalla suola della pialla.


    Stringiamo il pezzo nella morsa e, con l’aiuto di un morsetto, applichiamo un pezzetto di legno sacrificale

    Image


    al pezzo da piallare, in uscita ed a filo con i due lati (superiore ed esterno).
    Fate attenzione a che il morsetto non interferisca con la guida laterale della pialla o, peggio ancora, con la lama!


    Con una o due passate

    Image

    Image


    incidiamo le fibre di traverso.


    Smontiamo ora lo spur e rimettiamolo in posizione di riposo.
    Regoliamo l’arresto di profondità ed iniziamo a piallare traverso-vena;

    Image


    la lama va regolata per una asportazione fine, altrimenti l’azione sarebbe difficoltosa e la qualità del taglio scadente


    Bastano solo una manciata di secondi per realizzare la nostra battuta

    Image



    Come si può notare, la superficie di taglio in uscita è perfetta e priva di strappi

    Image






Note Finali



Image


Nota: la recensione è stata eseguita con pialle acquistate sul mercato dell'usato e di proprietà dell' autore.


by Legnofilia










  
 legnofilia [ Dom 26 Set, 2010 22:48 ] Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento